In questa pratica rafforziamo la muscolatura addominale per garantire più protezione ai nostri organi interni e più stabilità alla colonna vertebrale. Il lavoro su questa parte del corpo ci aiuta anche a dare stabilità alle posizioni e a sentirci più forti e più centrati. 

Il Saluto all’Autunno è una pratica rigenerante e purificante che stimola la circolazione sanguigna, agisce sul diaframma e quindi migliora la respirazione, ha un effetto normalizzante sulla tiroide e ha un effetto benefico sul sistema nervoso.

In questa pratica invernale esploriamo le nostre radici, il nostro contatto con la terra, la nostra capacità di sentirci protetti, sostenuti. L'elemento dell'inverno è l'acqua, con il suo movimento continuo, il suo fluire ma anche i suoi ristagni, i suoi blocchi. Lavoriamo quindi anche sull'area del secondo chakra, il bacino, le lombari, l'area dei reni, un'area anch'essa collegata all'acqua, ai fluidi corporei, alle emozioni più profonde, al movimento a volte fluido a volte stagnante. In questo modo impariamo come la natura ci fa da maestra e se seguiamo i suoi ritmi e la sua strada, difficilmente potremo perderci. 

La meditazione camminata è uno strumento di ascolto e osservazione molto semplice, adatta a tutti, soprattutto a coloro che fanno fatica con la meditazione seduta oppure semplicemente quando sentite che il corpo ha bisogno di silenzio e di movimento allo stesso tempo. 

Il Saluto all'Autunno è un esercizio dinamico stimolante e rigenerante che è molto utile in questo periodo dell'anno quando il corpo è affaticato dal cambio di stagione e la mente può facilmente cadere in stati malinconici o depressivi. Questa sequenza favorisce la circolazione del sangue, stimola la respirazione, ha un effetto normalizzante sulla tiroide e un effetto euforico sul sistema nervoso.